Estorsioni a cantieri:35 condanne a Bari

Il gup del Tribunale di Bari Alessandra Susca ha condannato 35 imputati a pene comprese fra i 20 anni e i 10 mesi di reclusione e ne ha assolti due al termine del processo nei confronti del clan Parisi e di alcuni imprenditori, su decine di episodi di estorsione ai cantieri edili, fatti - secondo l'accusa - imponendo guardianie e carichi di merci da fornitori amici. Al boss del quartiere Japigia di Bari, Savinuccio Parisi, il giudice ha inflitto la pena di 10 anni di reclusione. La condanna più alta, a 20 anni di reclusione, è per il fratello del capo clan, Michele Parisi, detto "Gelatina". Tra i 37 imputati c'erano anche due imprenditori, accusati di concorso esterno in associazione mafiosa, Francesco Latorre (condannato a 4 anni e 6 mesi) e Filippo Serino (assolto). Altri cinque imprenditori sono attualmente a processo con rito ordinario per gli stessi fatti. In quel processo è imputato anche il figlio cantante del boss, Tommy Parisi.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Quotidiano Italiano Bari
  2. Quotidiano Italiano Bari
  3. GoFasano
  4. Bari Today
  5. Bari Today

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Mola di Bari

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...